AUTUNNO: manuale di sopravvivenza!

Quando si dice autunno si pensa alle giornate che si fanno sempre più corte, all'aria più frizzantina e umidiccia, alle poche ore di sole caldo, alle prime piogge, alla natura che si tinge di rosso per poi spogliarsi completamente. Ma si pensa anche ai grandi impegni che ci aspettano: la scuola, il lavoro, la gestione della propria famiglia a ritmi sempre più incalzanti. Ed è così che la parola Autunno evoca stanchezza, affaticabilità e malesseri stagionali come raffreddore, prime febbri, indolenzimento muscolare e articolare fino a vere e proprie crisi di dolore, rallentamento digestivo che prima o poi sfocia in episodi importanti di colite e gastrite. E le ore di sonno sembrano non bastare più, divenendo sempre più irritabili. E' possibile sopravvivere a questo cambio stagionale? Certo e ancora una volta la Natura ci è alleata. Vediamo come.

-1.Partire alla grande con una buona Colazione. Suggerisco di non trascurare mai questo momento. Ci sono studi che dimostrano che a parità di calorie se queste vengono assunte nelle prime ore del mattino aiutano molto di più ad affrontare con forza e con maggiore concentrazione lo stress della giornata. Questo vale sia per i nostri figli che devono affrontare i loro impegni scolastici, sia per gli adulti. Una buona colazione deve essere sufficientemente calorica, ma non pesante, né troppo zuccherina per non avere buchi di fame improvvisa a metà mattina. Ben vengano i carboidrati complessi come il mueslei, i cereali integrali, il porridge di avena; la frutta secca come noci, mandorle, nocciole, ricchi di minerali come il magnesio e quella essiccata come albicocche, datteri, uvetta ovviamente bio. Il tutto accompagnato a una tazza di the verde o a infusi come la malva e finocchio particolarmente utili per chi soffre di irritabilità gastrointestinale. Oppure latte , meglio ancora se di origine vegetale in quanto più delicato e privo di grassi saturi, di colesterolo, di caseina e di lattosio (presente in quello di origine animale) che rallentano i processi digestivi. Quelli di riso e di avena sono molto indicati ai gastritici e ai colitici.  Anche la frutta fresca va benissimo, ovviamente di stagione e biologica.

-2.Bere molto durante la giornata soprattutto fuori pasto. Anche se non è più estate e non fa più caldo, non ci si deve dimenticare che l'organismo ha sempre bisogno di acqua, che di solito deve aggirarsi su un litro e mezzo al dì. Pochi sanno che una delle cause della difficoltà di concentrazione è il non bere a sufficienza. Un ottimo stratagemma è preparare un infuso tiepido (magari a base di frutti rossi come karkadè e rosa canina ricchi in vitamina C) e metterlo nel thermos così si ha sempre a portata di mano una bevanda piacevolmente calda e si beve più volentieri: provare per credere!!

-3.Cena Leggera. Con la frenesia che si vive di giorno, la sera diventa il momento della giornata in cui ci si rilassa, ma, ahimè, anche quello in cui si mangia di più. Purtroppo questo non solo non aiuta a mantenere un corretto peso corporeo, ma alla lunga disturba il sonno perché spesso ci si corica con la digestione ancora in corso. E' da preferire un piatto semplice a base di verdura cruda o cotta (meglio se a vapore) accompagnata a delle proteine vegetali, oppure un piatto di minestra di verdura con cereali possibilmente senza glutine. Per la presenza di grandi quantitativi di grassi le proteine animali richiedono tempi di digestione più lunghi, così pure i carboidrati con glutine come pane e pasta. 

-4. Un aiuto dalle piante. Alga spirulina, eleuterococco e ginseng sono ottimi rimedi per affrontare la giornata soprattutto se impegnativa. Malva, camomilla, finocchio, curcuma e zenzero sono da prediligere se sono presenti stati infiammatori all'apparto gastro-intestinale. Radice nera, achillea, cardo mariano stimolano l'attività epatica e migliorano i processi digestivi. Echinacea, rosa canina e gemme di ribes aiutano a sostenere le difese immunitarie, come anche gli oligoelementi quali manganese e rame. Artiglio del diavolo, boswellia e arnica aiutano a tenere a bada i dolori articolari. Infine melissa, tiglio, lavanda sono piante indispensabili per garantire un buon rilassamento psico-fisico e un buon sonno.

-5.Non dimentichiamoci di una corretta attività fisica. Già con una semplice camminata di 20-30 minuti al giorno aiutiamo il fisico a scaricare le tensioni in eccesso e a migliorare tutto il suo funzionamento, dalle articolazioni all'apparato cardiocircolatorio, fino a mettere in circolo endorfine che aiutano a mantenere nonché a recuperare il buon umore.

Buon autunno a tutti!

 

Scrivi commento

Commenti: 0