L'ESTATE a MISURA di BAMBINO

Per molti sono arrivate le fatidiche vacanze e spesso è l'occasione per ritrovarsi tutti insieme in famiglia: genitori e figli. Ma con i bimbi piccoli, in età prescolare, occorre mettere in atto qualche precauzione, soprattutto se si tratta della loro prima estate!

Ecco di seguito alcune semplici regole:

-Far uso di indumenti leggeri, chiari e di cotone: si permette la traspirazione della pelle senza evitare surriscaldamenti cutanei o eccessiva sudorazione. I colori chiari riflettono la luce e mantengono la pelle più fresca,mentre quelli scuri attirano il calore e provocano un ulteriore aumento della temperatura corporea. Per i bimbi sono al di sotto dell'anno di età sarebbe meglio usare cotoni poco trattati, biologici, per evitare l'irritazione cutanea da possibile sostanze chimiche e coloranti presenti nei tessuti. Ovviamente per lo stesso motivo andrebbero usati con parsimonia i detersivi, meglio se bio.

-L'uso del copricapo è davvero importante e non ha limiti di età. E' utile sia per evitare scottature cutanee, sia per proteggere gli occhi dal sole diretto e soprattutto per evitare un colpo di calore alla testa del bambino. E' pure un modo per proteggerli da possibili sbalzi termici, in particolare se si sosta in un luogo ventilato, che alla lunga può recare danno alle prime vie aeree e alle orecchie o se si è montagna dove anche il passaggio di una nuvola può cambiare notevolmente la temperatura.

-Se fa molto caldo o è una giornata afosa una buona regola è rinfrescare spesso la pelle del bambino con dei bagnetti in acqua tiepido-fresca o con delle doccette di acqua fresca alle gambe e alle braccia o con delle spugnature di acqua fredda da fare su tutto il corpo, vestendo subito il bambino senza doverlo asciugare. Ovviamente da non farsi dopo mangiato.

-Si raccomanda una dieta leggera, ricca di frutta e verdura e una corretta idratazione. Si sa infatti che la pelle del bambino è molto sottile e quindi disperde velocemente i liquidi attraverso la sudorazione e la traspirazione (perspiratio insensbilis) per cui il rischio di una importante disidratazione con le sue conseguenze è molto elevato. Inoltre la frutta di stagione, davvero abbondante in questo periodo e molto zuccherina, apporta una giusta quantità di zuccheri complessi che permettono di evitare anche possibili crisi ipoglicemiche.

-Evitare cibi spazzatura. L'educazione avviene anche a tavola ed educare il bambino a scegliere per sé l'alimento giusto e sano sarà un prezioso insegnamento che lo accompagnerà per tutta la vita. Pertanto in vacanza può essere concessa qualche piccola trasgressione, ma con estrema attenzione e senza esagerare.

-Fare attenzione anche alla corretta evacuazione intestinale del bambino: spesso le febbri in vacanza originano perché si è trascurato questo aspetto e dal momento che le difese immunitarie maturano anche a livello intestinale, si può dire che un coretto funzionamento dell'intestino corrisponde anche a una migliore funzionalità immunitaria. Quindi suggerisco di usare a scopo preventivo dei probiotici durante tutto il periodo della vacanza, anche se il bambino sta bene.

-Moderare l'esposizione solare. Non bastano le alte protezioni delle creme solari, che devono essere di almeno 50, e neppure l'ombra dell'ombrellone per difendere la pelle del bambino dall'esposizione dei raggi ultravioletti. Inoltre molti studi dimostrano che l'incidenza di melanoma in età adulta è strettamente legata alle scottature avute in età infantile-giovanile.  Si raccomanda ai lattanti di non esporli al sole dopo le 10.30 del mattino e non prima della 18.00-18.30 del pomeriggio. Se sopra l'anno di età si può stare al sole fino alle 11.00 e dalle 17.00 in poi. Si deve avere ancora più attenzione se si soggiorna nelle regioni del Sud d'Italia.

-Evitare l'uso di creme repellenti prima di esporsi al sole, come quelle anti-insetti o anti-zanzare, perché il rischio di una fotodermatite è molto alto.

-Per i più grandicelli evitare l'uso di smartphone o tablet: è la buona occasione per fare nuove esperienze sensoriali, affinare la manualità, la vista, l'udito e il tatto, nonché socializzare con altri bambini attraverso il gioco!

E...buone vacanze!!

 

Scrivi commento

Commenti: 0