PANCIA GONFIA? DALLA NATURA UN POSSIBILE APPROCCIO

In visita mi sento spesso dire che la frutta e la verdura gonfiano la "pancia" per cui vengono evitati questi preziosi alimenti. In realtà questo è un primo campanello d'allarme di un intestino in disordine, anche se l'evacuazione è regolare. Che fare allora?

Il primo passo è selezionare gli alimenti, cercando di evitare quelli troppo ricchi di fibra o di zuccheri perché molto fermentescibili. In particolare ci viene in aiuto la così detta Dieta a basso apporto di FODMAP. Ovvero una dieta con basso contenuto di Mono, Oligo, Disaccaridi e di Polioli, ovvero si tratta di zuccheri più o meno complessi presenti nel mondo vegetale e di particolari zuccheri sintetici usati come edulcoranti "dietetici", questi ultimi sono sorbitolo, xilitolo, maltitolo, isomaltolo, maltitolo

Lo schema proposto sopra è un valido indirizzo su come orientarci sulla scelta del cibo.

In fitoterapia validissime sono le tisane a base di fiori di camomilla, fiori di malva, di semi di finocchio, e di timo: dotati di un importante effetto anti-infiammatorio, antispastico, carminativo e disinfettante aiutano a riequilibrare la struttura e la funzione delle pareti intestinali e quindi il delicato processo digestivo. Anche gli Estratti di Vaccinium vitis e di Ficus carica sostengono e sfiammano la mucosa intestinale.

Lo stress peggiora il quadro: quindi solo un adeguato riposo permette di ripristinare le forze fisiche anche a livello digestivo. Se manca il sonno o se questo è disturbato sono molto validi i preparati a base di melissa, tiglio ed elscolzia.

Infine non deve mancare una corretta integrazione di probiotici utili a ripristinare la flora batterica intestinale: bifidi e lactobacilli sono i nostri alleati per prevenire e contrastare anche eventuali infezioni concomitanti del tratto uro-genitale.

 

Scrivi commento

Commenti: 0