Semplici strategie per "sopravvivere" alle abbuffate Natalizie

Le Feste sono arrivate ed è l'occasione buona per ritrovarsi tra vecchi amici, parenti e colleghi e ogni incontro è buono per mangiare o bere qualcosa insieme.

Insomma un periodo magico , in cui si assapora l'affetto, in cui però sottoponiamo il nostro fisico a un superlavoro digestivo e metabolico.

Come si può allora prevenire o meglio gestire i poveri stomaci afflitti e gli intestini brontolanti?

Qualche piccola strategia c'è.

1. Prediligere la Verdura: sia cruda che cotta permette di aumentare il senso di sazietà impedendo un eccessivo introito calorico e evitando l'assorbimento intestinale troppo rapido degli zuccheri. Meglio ancora se presa cruda come antipasto. Le Verdure inoltre sono ricche di cromo: un oligoelemento che migliora il tono dell'umore, e rallenta la trasformazione degli zuccheri assimilati con la dieta in grassi.

2. Far uso di semi, in particolare di semi di sesamo da mettere sulle pietanze e sulle verdure. Oltre a essere ricchi di grassi vegetali, naturalmente privi di colesterolo, sono ricchi di fibre, particolarmente utili per un buon funzionamento intestinale e per rallentare l'assorbimento delle calorie. Infine apportano grandi quantità di triptofano, il precursore della serotonina capace di donare il buon umore.

3. Bere molto lontano dai pasti, anche tisane. La più semplice e quella con più azione digestiva e disintossicante è la tisana allo zenzero. Per prepararla basta poco: acqua e un pezzetto di zenzero da far bollire 2-3 minuti. Lo zenzero può essere abbinato ad altre piante a seconda della problematica da trattare, tuttavia se viene aggiunto un po' di limone, diventa una bevanda dissetante e ristrutturante per l'inverno , grazie all'abbondanza di Vitamina C.

4. Camminare! Appena si ha un po' di tempo a disposizione è bene ritagliarsi quei 15-20 minuti per fare una bella passeggiata meglio se a passo sostenuto. Mettiamo in moto l'apparato muscolo-scheletrico sciogliendo quindi tensioni muscolari e emotive, stimolando dolcemente l'apparato cardio-respiratorio e quello digestivo grazie al delicato movimento diaframmatico che funge da stimolatore della peristalsi intestinale.

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0