Noci e salute

Chi ha la fortuna di vivere in campagna sa che questo è il periodo di raccolta delle noci. Mi ricordo i miei pomeriggi passati a studiare interrotti dalle belle passeggiate in mezzo ai vigneti illuminati da un ormai tiepido sole per cercare qualche vecchio noce dimenticato e mangiarmi i suoi semi ancora teneri e gustosissimi. 

Ancora oggi, appena posso ci ritorno e mi faccio pure la scorta per l'inverno.

Eppure è un "frutto" che non viene sufficientemente apprezzato. Lo vedo da come sono "abbandonati" questi alberi. Lo noto ancor di più in ambulatorio quando parlando con i pazienti nessuno lo considera come un alimento.

I nostri nonni, soprattutto quelli che hanno vissuto in campagna, sopravvivevano alla povertà mangiando pane e noci. 

Oggi invece lo consideriamo un cibo sfizioso da consumare giusto a Natale o a Capodanno, ma ne abbiamo timore perché "fa ingrassare".

In realtà è un alimento dalle mille virtù e per questo deve essere assunto anche quotidianamente.

Proprio due anni fa, novembre 2013, in una rivista prestigiosa come  "The New England Journal of Medicine" è stato pubblicato uno studio interessante sul consumo quotidiano di frutta secca e in particolare di noci. Le conclusioni sono sorprendenti. Gli autori, alla luce dei vari risultati ottenuti anche confrontando con numerosi altri studi fatti, suggeriscono che per vivere bene e a lungo bastano 30 grammi di noci al giorno per almeno 5 giorni alla settimana.

Infatti i risultati hanno dimostrato come ci sia un netto miglioramento della qualità di vita in chi fa un consumo regolare di noci: vi sono meno eventi cardiovascolari e una minor incidenza di tumori e di patologie all'apparato respiratorio, nonché una minor incidenza di morte del 20%.

Dal punto di vista nutrizionistico le noci presentano delle caratteristiche interessanti:

-Acidi grassi polinsaturi,

-Proteine di alta qualità,

-Fibra,

-Vitamine: folati, niacina, Vitamina E,

-Minerali: calcio, potassio e magnesio,

-Anti-ossidanti: carotenoidi, flavonoidi, fitosteroli.

Queste caratteristiche conferiscono alle noci proprietà cardioprotettive, anticancerogene, anti-infiammatorie e antiossidanti.

Si è potuto dimostrare che un consumo continuativo permette di ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, con minor danno a carico delle pareti interne dei grandi vasi sanguigni arteriosi, di migliorare il controllo della glicemia, riducendo il fenomeno della resistenza insulinica.

Inoltre la presenza di proteine di alta qualità le rendono similari alle proteine di origine animali, e la notevole presenza di minerali aiutano nei momenti di affaticamento mentale e fisico.

E' il caso quindi di introdurre senza timore il consumo quotidiano di almeno 2-3 noci, meglio se non trattate e magari raccolte personalmente.

Ovviamente sono un alimento calorico per cui il momento ideale per consumarlo è a colazione, o come spuntino o in un bel piatto di insalata mista, non di certo a fine pasto.


Scrivi commento

Commenti: 0