Giugno: tempo di esami

E' da poco concluso l'anno scolastico, ma per molti studenti non è ancora arrivato il momento di riposare. Anzi è proprio ora che devono raccogliere le ultime energie per affrontare con il massimo profitto l'ultimo grande sforzo: gli esami di terza media e di maturità.

Purtroppo da un lato si deve fare i conti con la stanchezza fisica e soprattutto psicologica dopo un intero anno di verifiche e interrogazioni, dall'altro con la stagione estiva, che con le sue giornate calde e afose induce spossatezza e voglia di relax.

Per superare nei migliori dei modi queste difficoltà, è già sufficiente seguire alcune piccole e semplici regole.

1. Mangiare adeguatamente: è importate iniziare la giornata con una buona colazione magari a base di muslei con fiocchi di avena, frutta secca ,frutta a guscio in yogurt, o ammollato in succo di mela limpido o in latte vegetale o in caffè d'orzo. In questo modo si dà all'organismo un adeguato carico calorico, con una giusto equilibrio tra carboidrati, proteine, grassi vegetali e minerali come Zinco e Magnesio utili per la concentrazione e per contrastare la fatica psico-fisica.

Nell'arco della giornata non devono poi mancare frutta e verdura freschi in grande quantità anche sottoforma di centrifugati o estratti. Si consiglia di non appesantirsi ai  pasti, soprattutto quello serale, ma di distribuire adeguatamente i carboidrati meglio se integrali e le proteine , meglio se di origine vegetale (tofu, tempeh, seitan, frutta a guscio, legumi)

2. Interrompere ogni 50-90 minuti lo studio con un qualcosa di piacevole e rilassante. Bastano 10-15 minuti per recuperare la concentrazione e "fissare" quanto è stato studiato prima. Dalla camminata, all'attività sportiva preferita, fino a coltivare qualche attività artistica (pittura,musica, lavoretti manuali) per allentare le tensioni e vivere con maggiore tranquillità l'attesa e la preparazione agli esami.

3. Rispettare le giuste ore di sonno: è più importante la qualità dello studio che la quantità. Quindi un buon sonno ristoratore permette di affrontare lo studio con maggior profitto.

Infine dal mondo della fitoterapia ci sono degli ottimi rimedi:

-Eleuterococco: è detto anche Ginseng siberiano sostiene la concentrazione attenuando la fatica psico-fisica. E'molto efficace se preso al mattino poco prima di colazione e a pranzo.

-Tilia tomentosa: l'estratto di tiglio è utilissimo per chi non riesce a controllare lo stato d'ansia. Può essere preso più volte al giorno fino a 4-5 volte al dì e non induce sonnolenza.

-Melissa: per garantire un buon sonno ristoratore è già sufficiente una tisana a base di melissa presa come dopo cena o poco prima di dormire.

Infine un integratore a base di Magnesio aiuta a controllare meglio la tensione fisica e a superare la spossatezza da caldo estivo.



Scrivi commento

Commenti: 0